Condizione della donna nella Storia: la donna nella cultura Cinese

adeusminhaconcubina

    Indefinibile! E’ il solo termine per definire la donna cinese. Difficile per noi occidentali.
    Ci è sempre apparsa semplice, forte e saggia: specchio della millenaria civiltà che l’ha sostenuta. Fragile, ma solo apparentemente; misteriosa ed enigmatica, custode delle proprie tradizioni ed usanze. Nascosta dietro il trucco elaborato come dietro una maschera; l’acconciatura semplice oppure elaborata, ma quasi sempre ornata di fiori. La veste di seta o di semplice cotone, ma sempre semplice, bella ed elegante.
    Recita così un’antica poesia cinese:
    “Come la liana abbraccia l’albero in ogni parte,
    così tu abbracci me:
    Sii la mia compagna e non lasciarmi mai più.
    Come l’aquila nel lanciarsi in volo batte il suolo con le ali,
    così io batto alla tua porta:
    Sii la mia compagna e non staccarti da me.”

    Meravigliosi versi d’amore che non devono farci dimenticare i tanti aspetti per noi sconcertanti. Come l’usanza antica di fasciare i piedi: un piedino infilato in una minuscola babbuccia ricamata, simbolo di fascino ed eleganza.
    Un’usanza lontana risalente, sembra, al X secolo, per acquisire grazia, leggerezza e soprattutto quel “movimento” arioso ed inimitabile. Un’usanza, però, assai penosa e dolorosa, che non teneva in nessun conto la donna costretta a subirla. Quei piedi strettamente fasciati condizionavano la sua vita e la costringevano a restare in casa, con il risultato di trovarsi relegata al solo ruolo che le si voleva assegnare: quello di sposa.

    Quale, dunque, la condizione della donna nella cultura cinese?
    In una società profondamente e particolarmente partiarcale e maschilista, la donna non poteva godere di privilegi: era l’uomo a perpetrare la specie e la donna ne era solo lo strumento.
    In verità, sorte e considerazione non diversa era riservata anche alle donne di altre latitudini… compresa la nostra.

    Come tutti i Paesi di grandi contraddizioni, la Cina si presenta oggi con due facce: città ricche, industrializzate ed occidentalizzate e campagne povere, arretrate e tenacemente legate alle tradizioni.
    La tradizione vuole la donna “ceduta”, attraverso il matrmonio, dalla famiglia del padre a quella del marito e vuole la donna relegata al ruolo subordinato di moglie e sposa.
    Oggi le cose sono un po’ cambiate.
    Oggi molte giovani donne cinesi partono per l’Occidente per studiare o lavorare; molto di loro sono bene inserite nella società, nel lavoro, nela politica, ma molte ancora restano nelle campagne e nel proprio limbo di ignoranza, completamente sottoposte all’uomo, defraudate dei diritti più elementsri e spogliate della dignità di essere umano,

    L’aspetto più triste e drammatico, forse, della mancata considerazione nei riguardi della donna, è la vergognosa piaga del gendercidio, da attribuire alla politica del “figlio unico”, adottata per porre un freno all’esplosone demografica degli ultimi decenni.
    Per avere un figlio maschio, infatti, si ricorre alla selezione genetica, pur vietata dalla legge, con il risultato paradossale di un numero superiore di maschi rispetto alle femmine (eliminate allo stato di feto o addirittura di neonato).
    Per di più, per qualche ragione che andrebbe analizzata, i giovani europei sono sempre più attratti dal fascino dolce e discreto delle ragazze orientali ed il numero di unioni miste è sempre in crescita.
    E’ forse il nuovo sogno?

    Annunci

Condizione della donna nella Storia: la donna romana

cropped-via-hqcyber-main-portal-art-hqcyber-info.jpg

La donna romana viveva in assoluta condizione di inferiorità rispetto all’uomo da cui finiva sempre per dipendere: come padre o come marito e perfino come fratello o figlio maggiore, quando restava vedova. Non conobbe mai, però, la sorte del gineceo, in cui veniva confinata la donna greca.
Soprattutto in età repubblicana, la sua sottomissione al maschio era totale: il marito aveva sulla moglie diritto di vita e di morte. In caso di adulterio e perfino se fosse stata sorpresa a bere vino, veniva punita con la morte. (la sbronza era considerata il primo passo verso l’adulterio).
La posizione economica era fortemente penalizzata essendo, la sua dote, completamente integrata con quella del marito, che poteva disporne a piacimento.
Non era mai sola, ma vigilata e sempre accompagnata. Il suo solo scopo di vita era la cura della casa e dei figli.( in caso di mancanza di figli, poi, era sempre lei quella sterile e mai il marito che, per quella “mancanza” poteva chiedere il divorzio).
La donna della Roma repubblicana è, dunque, una donna virtuosa, completamente dedita alla casa e alla famiglia, ma é anche una donna sobriamente elegante e suo è il merito di aver indossato per prima la biancheria intima.

La società e la famiglia romana, però, non erano statiche, ma in continua evoluzione; vediamo, così, nel corso dei secoli la donna romana migliorare la propria posizione economica e la propria indipendenza. E’ sempre in condizione di inferiorità rispetto al maschio, (che arriva perfino a discutere se ella possieda oppure no un’anima), ma la vediamo sempre più impegnata a riscattare la propria condizione. Come avvenne nel 195, quando un nutrito gruppo di donne scese in piazza per manifestare contro la Lex Oppia, una legge che stabiliva che le donne non potessero possedere più di mezza oncia d’oro, indossare abiti ornati di porpora, e altro ancora…
Già nell’ultimo periodo repubblicano le donne videro migliorate le proprie condizioni: potevano disporre dei propri beni, applicarsi alle lettere, ecc.

In epoca imperiale, poi, anche la pressione morale andò rallentando e così il costume, che divenne sempre più libero e libertino. Assistiamo ad un grande mutamento: abbiamo lasciato una donna sottomessa e fedele e la ritroviamo capricciosa ed indipendente.
Le donne appartenenti a ricche famiglie si occupano sempre meno di casa e figli ( lasciati nelle mani di schiavi e precettori) e sempre più di feste e banchetti; banchetti e festini, però, sono occasioni per ostentare ricchezze e potere, anche da parte dei maschi.

La donna romana d’epoca imperiale veste di seta e splende di ori e gioielli. Dedica almeno metà della giornata, attorniata da schiave, alla cura del corpo e dell’abbigliamento. Per nascondere la bassa statura esibisce tacchi vertiginosi e per assecondare l’irrefrenabile vanità, si affida a belletti, cosmetici ed elaboratissime acconciature cosparse di polvere d’oro.
Letteralmente coperta di gioielli da capo a piedi, la donna romana ostenta le ricchezze predate dagli uomini ad altre donne in terre lontane; compreso le pellicce, diventate un accessorio indispensabile.
La parità con l’uomo… beh…
Nonostante il lusso sfrenato, l’apparente o reale indipendenza economica, non c’era proprio alcuna parità di sesso.
Giuridicamente non contava nulla e forse era solo questo che le mancava: la parità con l’uomo. (Cosa da poco!… No?!!!)

HAREM… L’harem nella cultura antica

H A R E M

99f1eef0562et - Copia - Copia (3) - Copia - Copia

La segregazione della donna in una parte della casa, quasi sempre ai piani superiori, testimonia la scarsa stima dell’uomo nei suoi confronti.
Nella società sumerica, in verità, la donna godeva di notevole considerazione ed era la “Signora della Casa”. Ciò, nondimeno, non le evitò la condizione di donna condivisa. Le venne riparmiata, è vero, la segregazione, ma all’uomo era riconosciuto il diritto di avere altre spose e di scegliersi concubine tra le schiave ed alla donna, solo di dovere di accettarlo.
In una tomba regale furono trovati i corpi allineati di dieci Regine più un numero imprecisato di “Donne di corte” con i loro fastosi gioielli e gli abiti da cermonia.
Nella tomba di re Abargi, inoltre, furono trovate le spoglie (ad un livello soprastante di sepoltura) della Regina Shubad e di un’altra Regina di cui si ignora il nome, insieme a quelle di numerose concubine ed ancelle.
Il Rituale di sepoltura (vedi il post: “Il Pozzo della Morte”) prevedeva, infatti, anche il sacrificio umano. La condizione della donna mesopotamica non migliorò con il tempo. Al contrario, peggiorò nel periodo semitico che seguì.
La donna si vide fisicamente segregata nel gineceo, la parte della casa a lei riservata. Non da sola, ma assieme ad altre donne: mogli e concubine.
Giuridicamente, il matrimonio era un contratto, spesso stipulato da altri, che contemplava la procreazione e l’educazione dei figli e la sterilità della donna poteva essere causa di ripudio. Una mancanza che si poteva aggirare e superare con una “sostituta” che mettesse al mondo figli considerati della prima moglie.
Un aspetto, questo, dell’ “amore libero” riconosciuto ed apprezzsto. Come riconosciute ed apprezate erano anche le prestazioni sessuali delle “Sacerdotesse del Tempio” che servivano la Dea dell’Amore.

Non solo Babilonia, ma anche l’Antica Grecia, la Bibbia e Roma antica ritenevano utile e necessaria l’esistenza di tale tipo di prestazione, che creerà la figura della cortigiana e poi della prostituta.

Nella cultura egizia sappiamo bene quanto importante fosse l’apporto della famiglia… soprattutto di una famiglia assai numerosa ed allargata, per il Faraone. (vedere post: La Famiglia: sostegno indispensabile del Faraone” nella Pagina Antico Egitto)
Così come nella cultura biblica. Dell’epoca dei Patriarchi prima e dei Sovrani dopo.

Anche l’Antica Grecia e l’Europa dei Balcani rispecchiavono perfettamente la dipendenza della donna dal marito proprio attraverso la relegazione in una zona della casa a lei riservata e separata da quella destinata agli uomini.
Ogni casa di ceto elevato aveva il suo gineceo.
La donna libera non ricopriva ruoli civili o sociali ed era destinata al matrimonio ed alla maternità; non usciva mai di casa, se non in occasioni rarissime, come matrimoni, nascite o cerimonie religiose.
Se il sesso con la moglie era inteso come mezzo di procreazione e senza troppi coinvolgimenti erotici, per avere un’intesa sessuale, l’uomo si vedeva riconosciuto il diritto di avere una o più concubine. Una terza figura femminile, infine, dava lustro al gineceo anche se non ne era strettamente vincolata: la etèra, una donna colta e di fine intelletto, che sapesse intrattenere con dibattiti e conversaziobi filosofiche e culturali e che accompagnasse il padrone in quei posti dove moglie e concubine non potevano mettere piede.

Insolita e particolare era anche l’usanza, presso antiche culture del Nord Europa, della “Famiglia comune” o “Letto comune”, che prevedeva la condivisione della donna tra fratelli.
Ne parlò anche Cesare nel suo “De Bello Gallico” a proposito di alcune tribù dell’Irlanda: con il termine “gwely”, si indicava, infatti, sia il letto che la famiglia.
Tacito parla di Clothru, moglie dei suoi tre fratelli e madre di Lugard, figlio di uno dei tre, che la donna sposerà e da cui avrà un figlio che diventerà Re.
Una storia d’amore incestuoso, avverte lo storico romano, da non prendere alla lettera.