Brrr.. che freddo – I giorni della merla – la leggenda

IMG_6461La Leggenda di MERLA e TIBALDO

Da sempre chiamiamo “Giorni della merla” gli ultimi, rigidissi tre giorni del mese di gennaio.
Molte leggende sono sorte intorno a questo fenomeno atmosferico e in questa sede ne presento una: forse, la più romantica e triste insieme.
Viveva, nel ‘500, nella Rocca di Stradella, in provincia di Pavia, una nobile famiglia di gastaldi di nome Merli.
Tibaldo, un giovane della famiglia, fu inviato a Pavia a studiare. Terminati gli studi, il giovane ritornò nel contado.
Qui incontrò una giovanissima ragazza di nome Merla e se ne innamorò; Merla era talmente bella, che in tutto il contado si diceva: “Bella come la Merla”.
La ragazza ricambiò immediatamente il sentimento di Tibaldo, ma un grosso ostacolo separava i due innamorati: il grado di parentela.
Merla e Tibaldo, infatti, erano cugini stretti.
Per un po’ i due innamorati riuscirono a tenere segreta la loro relazione, infine, dovettero rendere pubblico quel loro amore senza speranza.
Sembrava, ai due giovani innamorati, che non ci fosse per loro altra soluzione che un romantico suicidio.
Quel sentimento, però, così forte, profondo e sincero, finì per attirare su di loro simpatia, benevolenza e comprensione.
Lo stesso vescovo di Pavia, parente dei due giovani, si mosse a commozione e riuscì ad ottenere una dispensa papale che consentisse loro di sposarsi.
Le nozze furono celebrate in pompa magna e i festeggiamenti si protrassero per tre giorni: gli ultimi, tre gelidi giorni del mese di gennaio e tutto il paese vi partecipò.
Il festoso evento, però, finì in tragedia.
Per raggiungere Pavia, i due sposi attraversarono il Po gelato a bordo della loro carrozza.
Durante il viaggio, la superficie gelata del fiume si ruppe e i due giovani sposi finirono tragicamente annegati.

Storia, miti e leggende… il meraviglioso mondo di Maria Pace

Storia, miti e leggende… il meraviglioso mondo di Maria Pace

Qui troverete:

– Storia, miti e leggende di ogni epoca e luogo: enigmi della Storia, misteri risolti ed insoluti, creature fantastiche e fiabesche… ed altro ancora

– Universo Donna: la donna nella storia – Regine famose, ecc

– Racconti e Romanzi per tutti coloro che amano emozionarsi: storia, avventura, fantasy, amore, passione, sangue, noir e mistero

– Fiabe per i più piccini

-… e molto altro ancora

 

APPENNINA… misteriosa sibilla

Appennina.... misteriosa sibilla

APPENNINA,  la Sibilla

Secondo un’antica leggenda, lungo le pareti screpolate di anfratti del Monte Vettore, nel cuore dei Monti Sibillini, si nasconde una misteriosa grotta di particolare bellezza e suggestione.
E’ lì, dice la leggenda,  in una splendida reggia, che vive la sibilla Appennina, circondata da  una  corte di ancelle.
Oltre ad enormi ricchezze e sfarzi, questa grotta nasconde un grande segreto: sulle sue pareti, in una scrittura sconosciuta e dai caratteri indecifrabili, vi sarebbe incisa la storia della Terra e dei suoi abitanti, dagli albori fino alla fine.
Soltanto Appennina posside la  chiave segreta per interpretare le Profezie nascoste in quei segni strani e misteriosi. Quelle Profezie, però, dice sempre la leggenda, sono così pericolose per l’umanità che la sibilla ne consegnerà la chiave di interpretazione soltanto a colui o colei che se ne dimostrerà degno o degna.
Fino ad oggi, però, Appennina ha ritenuto prudente tenere per sé il segreto, però, durante i secoli ed i millenni,  la sibilla ha continuato a seguire le vicende  degli uomini, soprattutto di quelli che vivono in zona e cercato di migliorare le loro condizioni di vita. Ha insegnato loro l’arte di tessere e filare, di fabbricare utensili e di costruire case, di arare  campi e allevare bestiame.
Come in molte leggende, però, anche Appennina ha il suo lato oscuro. Creatura di straordinario fascino e bellezza, la misteriosa sibilla è capace di trasformarsi in una vera Virago e trascorrere nottate intere, insieme alle sue ancelle,  in sfrenati piaceri.
All’alba, però, con il sorgere del sole, torna alla sua grotta e scompare nel nulla.
Si  dice che attraversi un sentiero nascosto e misterioro, ma nessuno fin’ora è riuscito mai a scoprirlo e… semmai qualcuno dovesse riuscirci un giorno e raggiungere la grotta segreta, continua la leggenda, la bellissima sibilla  gli rivelerà il grande segreto dell’umanità.